Siete tra quelli che dicono “rimandiamoli a casa” ?
Fate parte della folta schiera di quelli che danno retta a Salvini e che pensano che l’immigrazione sia un fenomeno che si risolve con i muri ?
Anche voi pensate che qualche decina di migliaia di poveracci in fuga dalle centinaia di guerre atroci che ci sono in giro per il mondo siano il problema di questo Paese ?
Vi suggerirei di chiudere il Corriere dello Sport o l’ultimo articolo di gossip e aprire qualche libro di Storia; (forse) capireste quanto queste posizioni che sbandierate siano completamente insensate, inutili, stupide. Ma so che non lo farete e continuerete a credere in queste baggianate populiste e razziste che impazzano nelle ultime settimane su tutti i social network; fatelo pure, io sinceramente mi sono rotto il cazzo di (provare) a discutere con voi.

Odio la morale; credo che ognuno rispetti la propria e che nessuno abbia il diritto di decidere quale sia la “morale migliore”.
Ma fino ad un certo punto.
I commenti che leggo in questi giorni mi fanno schifo. Mi fa schifo la gente che li scrive, mi fa schifo la gente che pensa certe cose e mi fanno schifo ancora di più tutti quegli squallidi politucoli che cavalcano l’onda dell’ignoranza per guadagnare consensi.
Mi fa schifo Salvini (non s’era capito?) che si permette anche di attaccare Renzi per la foto del bambino siriano morto sulle nostre spiagge qualche giorno fa. Che gli da del “verme”, lui che parla di ruspe e di riimaptrio coatto, lui che si permette anche di parlare di “italiani” quando non è che un contadinotto ignorante che fino a ieri gridava alla secessione.
Mi fanno schifo tutti quelli che piagnucolano lamentandosi del fatto che ormai “stiamo con le pezze al culo” e che sono così miopi da non capire che se un padre di famiglia rischia la sua vita e quella dei propri figli per affrontare un viaggio disperato con una buona possibilità di morire, evidentemente ci metterebbe una firma col sangue per avercele lui, almeno un paio di pezze al culo come noi.
Ma questa gente non ha nulla. Lavoro ? Benessere ? Libertà ? Democrazia ?
Quanto ci piace farci belli cianciando di questi concetti dopo aver speso quaranta euro per mangiare e bere. Oh ma poveri noi ! Siamo così con le pezze al culo che non abbiamo più i soldi per la macchina (ne abbiamo una a persona in famiglia). Siamo così disperati che siamo costretti a comprare magliette e pantaloni in saldo ! Oh Dio che povertà !
Eh poi, noi tapini, quest anno dobbiamo anche spendere 20 auro di più per vedere la Champions League, maledizione !
E dovrei rinunciare all’abbonamento alla palestra per qualche negro ? Alla mia vacanza a Sharm el-Shayk? Ai venticinque euro di ingresso in discoteca, ai dieci euro per un cocktayl, a quel paio di scarpe da centocinquanta euro che mi piace tanto ? Alla playstation, agli orologi, al parrucchiere, all’aperitivo ?
Eravamo un paese così virtuoso prima che arrivassero LORO !
Cazzo non c’era corruzione, non c’era criminalità, la devono aver portata su qualche carcassa del mare dalla Libia. (La vecchia noiosa storia della mafia come principale prodotto d’esportazione italiano dal dopoguerra ad oggi lasciamola stare).
E’ bello vivere con la panza piena all’ombra di una Democrazia che qualcun altro (qualche coglione sicuramente) ha conquistato al prezzo del suo stesso sangue, ed è ancora più bello ignorare la Storia, che starebbe lì proprio per raccontarci come tutto questo è già successo, sta succedendo e succederà, sempre. Le migrazioni umane sono parte intrinseca della Società umana; e come potrebbe essere altrimenti ?
La Germania che tutti i tuttologi insultano ci sta dando in questi giorni una lezione di umanità (e di intelligenza) che ci dovrebbe fare vergognare. E bla bla bla le banche bla bla bla comandano tutto loro e bla bla bla la Merkel ‘sta stronza è pure brutta e bla bla bla è meglio Putin e bla bla bla.
Bla bla bla, solo questo sapete fare: aprire la bocca e scureggiare. Dalla bocca, si.
Io sono stufo di voi e del razzismo becero che non avete neanche il coraggio di riconoscere di avere.
Io non sono come voi, io non sarò mai come voi. Io credo che il benessere su cui voi sputate sia invece proprio il motivo per cui non possiamo fregarcene di chi scappa dalla morte e che sogna per se e per i propri figli soltanto una vita normale, e che l’Africa non esiste solo perchè le nostre donne possano indossare un anello di diamanti, o perchè la nostra macchina possa consumare benzina, o perchè a ferragosto ce ne andiamo in posti esotici (dentro i resort) a fare il bagno e la bella vita.
Lo sapete cosa sta succedendo in questi istanti, propri mentre scrivo, in Nigeria, in Gabon, in Somalia, in Siria, in Libia, in Egitto, in Iraq, in Pakistan, in Eritrea, in Mali, nella “repubblica democratica” del Congo, in Birmania, in Tailandia (a parte i pedofili occidentali che vanno lì per scoparsi qualche ragazzina), in Birmania e in decine e decine di altri paesi nel mondo ?
Non lo sapete ? Ve lo dico io cosa c’è. C’è la guerra.
E vi dico anche cosa non c’è: lavoro, benessere, libertà, democrazia. Proprio quelle cose di cui si parla tanto nei bar italiani.
E se state per dire “ma non è mica colpa mia”, a parte il fatto che la frase sia alquanto opinabile (non mia in quanto individuo, ma mia in quanto mondo occidentale), posso anche concedervela. Il fatto è che non si tratta di colpa o di responsabilità, ammesso e non concesso. Si tratta di UMANITA’. Tutto qui. Chi non capisce questo beh…vada affanculo.

Annunci