Il passaggio tra due versioni successive di un gioco come FIFA è a volte semplice, e a volte meno. Devo ammettere che c’è voluta parecchia della mia tigna per entrare meglio con la testa nei nuovi meccanismi di gioco che se presi superficialmente possono sembrare inezie, ma che invece sono fondamentali per fare quel passo in più che in sostanza ci permette di galleggiare tra le prime due divisioni delle stagioni online e, cosa ben più importante, ci consente di umiliare l’amico di turno che commette l’errore di sfidarci a FIFA16 e di bullarci con lui della nostra superiorità.

Non riuscivo ad accettare il fatto che il gioco palla a terra fosse diventato così complicato in questa versione del gioco, specialmente quando si parla di passaggio filtrante. L’IA del gioco è stata potenziata enormemente e a livello difensivo si ha un controllo così completo della squadra che a volte sembra impossibile trovare la rete giocando palla a terra, motivo per cui sono tantissimi quelli che decidono di sfruttare un autentico glitch del gioco: il cross da traquarti campo a rientrare, che con percentuali molto elevate si trasmorma in gol da parte dell’attaccante che si inserisce. Solo che a me giocare in maniera “arcade” ad un gioco che dovrebbe essere una simulazione di calcio non è mai andato giù, ed ecco che dopo vari allenamenti e una ricerca su internet ho scoperto una cosa che apre un mondo sul gioco offensivo palla a terra.

Il passaggio filtrante (triangolo su PS) sembrava essere sistematicamente annullato dalla suddetta capacità difensiva avversaria, sia essa umana o artificiale, ma invece no ! Perchè in realtà ci sono due livelli di passaggio filtrante e devono essere utilizzati in due situazioni differenti.

Il passaggio filtrante classico, cioè quello che si ottiene semplicemente premendo “triangolo”, non è pensato per effettuare un passaggio che tagli la difesa e mandi il giocatore in porta, come avevo sempre pensato; non a caso se lo utilizziamo con questa finalità noteremo (tra mille bestemmie) che il 99% delle volte che tentiamo, il passaggio sarà intercettato dalla difesa, soprattutto se tentato in una zona centrale del campo. Questo tipo di passaggio è invece pensato semplicemente per dare la palla al compagno sulla sua direzione di corsa e quindi ottimizzare i trempi dell’azione e renderla più veloce.
Di fatto quindi il filtrante semplice si utilizza più in fase di costruzione dell’azione, e non per effettuare l’ultimo passaggio decisivo.

Per quello, bisogna abbinare al triangolo un altro comando, che nel caso di un settaggio standard (quindi con la corsa con R2), è il grilletto R1 (per capirci, quello che si usa per effettuare il tiro a giro o, abbinato al comando del passaggio, per effettuare un passaggio raso terra veloce). Traingolo + R1 è esattamente quello che io pensavo fosse il semplice passaggio con triangolo: è il vero passaggio filtrante in profondità che ci consente di bucare le difese palla a terra e anche centralmente e mandare il compagno in porta. E funziona davvero, basta provare qualche volta e ci si rende conto della differenza e giuro, per chi non lo ha ancora scoperto come me fino a pochi giorni fa, è sul serio una svolta fondamentale nel gioco. Le percentuali di riuscita di questo passaggio, se effettuato nelle situazioni giuste, sono elevatissime.

Ultima indicazione: Triangolo + R1 va utilizzato in quelle situazioni in cui vuoi mandare il compagno in porta tagliando dietro la difesa avversaria, e NON in fase di costruzione, dove diventa molto rischioso proprio perchè nelle meccaniche del gioco questo comando è pensato proprio nella fase conclusiva dell’azione d’attacco e non in mezzo al campo, meno che mai con passaggi orizzontali.

Provatelo, ditemi che ne pensate, e alla prossima puntata !

Annunci